Torna al blog

2018: anno internazionale del cibo italiano nel mondo

Si avvicina il 2018 e il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali insieme al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo comunicano che:

il 2018 è l’anno internazionale del cibo italiano nel mondo

 

E’ importante prestare attenzione al cibo italiano nel 2018.
Qualità, promozione e valorizzazione del cibo italiano è resa possibile grazie al lavoro dei tanti agricoltori, allevatori, pescatori, artigiani e produttori presenti nel territorio nazionale.

Il 2016 era l’anno nazionale dei cammini e il 2017 era l’anno dei borghi.

L’Italia, è il paese con il maggior numero di prodotti agroalimentari. Alcuni di essi, sono stati designati con l’etichetta IGP (Indicazione Geografica Protetta), riconosciuta dall’Unione Europea.

 

Le politiche di promozione del cibo italiano


Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che si occupa della promozione e tutela del Made in Italy, ha presentato nel marzo 2016 il Protocollo d’intesa per la valorizzazione all’estero della Cucina Italiana di Alta Qualità.
E’ stato sottoscritto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Tale protocollo si inserisce nel piano di azione “Food Act” e intende valorizzare le eccellenze enogastronomiche.
Le azioni promozionali sono state rivolte verso gli Stati Uniti, il Giappone, la Cina, la Russia, Emirati Arabi Uniti e Brasile.

Le azioni intraprese nel 2016/2017 sono state le seguenti:

  • Settimana della Cucina Italiana nel mese di novembre;
  • MasterClass rivolti a chef stranieri per promuovere la dieta mediterranea;
  • Giornate Italiane dedicate alla cucina di qualità.
    Le giornate sono state promosse dal CONI e celebrate durante i Giochi Olimpici di Rio 2016.

Le politiche, sono state finalizzate a dare continuità all’Expo 2015 di Milano, vetrina globale che ha accolto i visitatori da ogni parte del mondo per 6 mesi.

Expo 2015 di Milano

 

Il tema dell’Expo era “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Mirava a sviluppare la cultura, le tradizioni e le tecnologie legate al settore dell’alimentazione.

L’area Expo ha ospitato quattro aree tematiche:

  • Padiglione Zero, il quale esponeva la storia dell’uomo sulla Terra attraverso il filo conduttore dell’alimentazione;
  • Future Food District, trattava l’evoluzione delle tecnologie e i cambiamenti nel flusso di produzione, consumo e distribuzione del cibo;
  • Children Park, spazio in cui i bambini in giochi di intrattenimento hanno imparato ad apprezzare e conoscere le eccellenze gastronomiche;
  • Parco della Biodiversità, in cui è stata la riprodotta la varietà degli ecosistemi.

L’Expo di Milano, è stata una grande vetrina per tutti i paesi partecipanti.

Si è trattato di un evento contenitore di tanti appuntamenti culturali e di intrattenimento:

-spettacoli;
-convegni;
-show cooking;
-laboratori didattici.

Grazie alle politiche adottate negli anni, l’Italia punta alla tutela e valorizzazione di tutte le eccellenze enogastronomiche.
Il territorio nazionale conta su un’offerta ampia e variegata.

E’ importante promuovere l’Italia in tutte le sue sfaccettature: artistiche, paesaggistico-ambientali e culinarie.
Lo scopo è quello di far conoscere l’Italia all’estero.

 

Le soluzioni Neikos per il settore Food & Wine

Il settore Food & Wine può essere promosso con la realizzazione di:

-siti aziendali;
– portali;
-siti ecommerce;
strategie di marketing personalizzate per obiettivi di business del cliente.

Ti invitiamo a visionare tutti i lavori realizzati per le aziende appartenenti al settore alimentare
Contattaci per una consulenza o preventivo.

 

LEGGI ANCHE:

Condividi: